Disconoscimento Sinistro Stradale: Fac-Simile e Modulo pdf

Aggiornato il
Preventivo Assicurazione AutoPreventivo Assicurazione Auto

Preventivo Gratis Online

Confronta le RC Auto delle migliori compagnie assicurative a Giugno e scopri la soluzione più conveniente per le tue esigenze.

Disconoscimento Sinistro Stradale
Come Contestare un Sinistro: Dichiarazione di Disconoscimento

Nel fac-simile del modulo pdf di disconoscimento sinistro stradale l’assicurato deve dichiarare di disconoscere un incidente, inserendo alcuni dati anagrafici e di contesto, per dimostrare la sua estraneità ai fatti.

Fac-simile del Disconoscimento Sinistro Stradale

Cosa vuol dire disconoscere un sinistro stradale? Disconoscere un sinistro significa non riconoscerne il proprio coinvolgimento. In pratica, un assicurato dichiara che non era presente al momento dell’incidente.

Il disconoscimento del sinistro stradale è una procedura mediante la quale un assicurato dichiara di non essere coinvolto in un incidente di cui invece ne è risultato parte a seguito di denuncia. La procedura prevede di compilare un modulo e farlo pervenire alla compagnia di assicurazione tramite raccomandata o tramite PEC.

Un assicurato, infatti, potrebbe trovarsi coinvolto in un incidente erroneamente o per un tentativo di frode. È importante far valere la propria posizione per evitare le pesanti conseguenze di risultare tra le persone coinvolte in un incidente stradale, ovvero:

Come scrivere una Lettera di Disconoscimento Sinistro?

Per scrivere una lettera di disconoscimento sinistro, occorre indicare i propri dati anagrafici, la targa del veicolo, la compagnia assicurativa, il numero di polizza e la sua scadenza.

Nella seconda parte della lettera, l’assicurato deve dichiarare che non era presente quindi coinvolto nel sinistro per il quale viene accusato, fornendo dettagli ulteriori sulla propria assenza.

in questi casi occorre fornire quante più prove possibile, per questo motivo, oltre alla lettera di disconoscimento sinistro, è consigliabile allegare anche:

  • copia della denuncia-querela per truffa presentata nei confronti della controparte;
  • una eventuale dichiarazione testimoniale di un soggetto terzo che afferma che non c'è stato contatto con il mezzo o che l'assicurato si trovava in un altro posto, allegando i documenti di identità;
  • se il mezzo era stato rottamato, il certificato di avvenuta rottamazione che riporta la data anteriore al presunto sinistro;
  • qualunque altra dichiarazione che provi il mancato coinvolgimento del veicolo assicurato nel presunto sinistro (ad esempio un multa ricevuta nello stesso orario).

Come inviare il Modulo di Disconoscimento Sinistro Stradale

Se l'assicurato riceve una denuncia per un sinistro in cui non era coinvolto, deve rivolgersi subito alla propria compagnia assicurativa non oltre i 30 giorni dalla comunicazione del sinistro. Deve fornire la propria versione dei fatti il prima possibile, perché, trascorsi i 30 giorni, la compagnia è autorizzata a risarcire il sinistro.

Il silenzio e le mancate comunicazioni sono considerate come un riconoscimento implicito che il sinistro è realmente avvenuto (il silenzio-assenso).

Il modulo di disconoscimento sinistro in pdf deve quindi essere inviato mediante raccomandata con ricevuta di ritorno o tramite PEC, in modo da avere una data certa di riferimento, poiché la compagnia assicurativa ha 45 giorni dalla ricezione della comunicazione per dare risposta.

Quanto Tempo ho per Disconoscere un Sinistro?

L'assicurato che si ritrovi coinvolto in un incidente stradale deve disconoscere il suo coinvolgimento il prima possibile, idealmente entro 3 giorni dal sinistro. In questo modo la compagnia non può riconoscere un risarcimento al presunto danneggiato e attivare un cambio di classe di merito.

Tuttavia, spesso accade che un assicurato coinvolto in un falso incidente non riceva comunicazione così presto. In questo caso, l'assicurato ha 30 giorni di tempo per comunicare alla propria compagnia il disconoscimento del sinistro. Quindi, deve invitare la compagnia a indagare e a non procedere con l'aumento del premio.

Cosa succede se si Nega un Sinistro?

Il disconoscimento del sinistro ha conseguenze di vario genere a seconda che sia accettato o meno dalla compagnia.

Nel momento in cui si nega un sinistro, la compagnia può agire in 3 modi:

  1. liquidare il risarcimento al danneggiato se dalle verifiche risulta che il sinistro si è svolto come dichiarato dalla controparte;
  2. chiudere la pratica senza concedere risarcimenti;
  3. presentare querela all'autorità giudiziaria, se dalle verifiche emerge che il sinistro è stato effettivamente simulato.

Se l’assicurato non ritiene corretta la decisione della compagnia o la consideri impropria, allora può fare ricorso, inviando un reclamo all’assicuratore ed eventualmente rivolgendosi all’IVASS.

Come Difendersi da un Falso Sinistro

Il disconoscimento del sinistro è il mezzo di un assicurato per difendersi da un falso sinistro, considerato reato nella categoria delle truffe. Il codice penale dedica a questa particolare forma di truffa un intero articolo, il 642:

Chiunque, al fine di conseguire per sé o per altri l’indennizzo di un’assicurazione o comunque un vantaggio derivante da un contratto di assicurazione, distrugge, disperde, deteriora od occulta cose di sua proprietà, falsifica o altera una polizza o la documentazione richiesta per la stipulazione di un contratto di assicurazione, è punito con la reclusione da uno a cinque anni. Alla stessa pena soggiace chi al fine predetto cagiona a sé stesso una lesione personale o aggrava le conseguenze della lesione personale prodotta da un infortunio o denuncia un sinistro non accaduto ovvero distrugge, falsifica, altera o precostituisce elementi di prova o documentazione relativi al sinistro. Se il colpevole consegue l’intento la pena è aumentata. Si procede a querela di parte.

Un caso di falso sinistro si realizza nel momento in cui un automobilista denuncia un sinistro mai avvenuto o aggrava le conseguenze di incidenti reali per avere un risarcimento maggiore dalla compagnia. Coinvolge pertanto un secondo automobilista che rischia le conseguenze derivanti dalla denuncia.