Documenti Obbligatori da Tenere in Auto: l'Elenco Completo

Aggiornato il
Preventivo Assicurazione AutoPreventivo Assicurazione Auto

Preventivo Gratis Online

Confronta le RC Auto delle migliori compagnie assicurative a Giugno e scopri la soluzione più conveniente per le tue esigenze.

Documenti Obbligatori in Auto
Quali sono i Documenti Obbligatori da tenere in Auto?

I documenti obbligatori da tenere in auto sono la patente, il libretto di circolazione e il certificato di assicurazione. È importante non dimenticarli per non rischiare delle sanzioni e, in caso di furto o smarrimento, bisogna presentare la denuncia alle forze dell'ordine.

Quali sono i Documenti Obbligatori da Tenere in Auto?

I documenti che occorre per legge portare in auto quando si circola sono:

  1. patente di guida. La patente è un'autorizzazione amministrativa il cui possesso è necessario per condurre veicoli a motore su strade pubbliche. Inoltre, secondo l'art. 35 del DPR 445/2000 recante il Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa, la patente di guida rappresenta anche un valido documento di riconoscimento al pari della carta di identità, purché si rientri nei confini territoriali dello Stato italiano (non vale anche in caso di espatrio).
  2. libretto di circolazione. Il libretto di circolazione, anche detta carta di circolazione, certifica l’idoneità di ogni tipo di veicolo a circolare sulle strade pubbliche e riporta vari dati sia sul proprietario che sul mezzo, come la marca, il modello, la massa, la classe di emissione e gli pneumatici omologati. La Motorizzazione Civile rilascia il libretto quando c'è una nuova immatricolazione.
  3. certificato di assicurazione. Il certificato di assicurazione auto prova che il conducente possiede una copertura RC reale e valida. Questo documento include: le informazioni personali sull’assicurato: la tipologia e la targa del veicolo, la compagnia di assicurazione, il numero del contratto e il periodo di validità della polizza.

Modulo CAI

Oltre ai tre documenti obbligatori, è consigliabile anche tenere in auto il modulo blu di Constatazione Amichevole (CAI), facilmente scaricabile da sito dalla propria compagnia assicurativa o da questa fornito dopo la stipula. Il modulo CAI serve a registrare una denuncia in caso di sinistro. Durante questa eventualità al suo interno composto da 4 pagine, bisogna riportare varie informazioni, tra cui: il luogo e la data in cui è accaduto l'evento, la sua dinamica, i dati anagrafici dei conducenti e delle rispettive compagnie assicuratrici.

Quale Foglio dell'Assicurazione Tenere in Auto?

A partire dal provvedimento n. 41 del 22 dicembre 2015 emanato dall'IVASS, il contraente di una polizza RCA riceve il Certificato su supporto cartaceo o in modalità digitale tramite email.

Da qualche anno non è quindi più obbligatorio esporre il tagliando dell'assicurazione o conservarne l'originale nella propria vettura. In caso di controllo da parte delle Forze dell'Ordine basta infatti esibire una copia del certificato di assicurazione o la sua versione elettronica dal proprio smartphone per circolare liberamente all'interno dei confini italiani e nei Paesi UE.

In questo modo gli agenti possono effettuare gli accertamenti sulla RCA dell'utente verificando la targa all'interno di un archivio virtuale che incrocia i dati della Motorizzazione con quelli forniti dalle compagnie di assicurazione. Questo cambiamento rappresenta il risultato del procedimento di digitalizzazione che interessa ormai tutti i processi burocratici.

Carta Verde

All'interno del Certificato di assicurazione è inoltre presente la Carta Verde, documento che dimostra la validità dell'assicurazione RC quando si viaggia nei Paesi non UE o al di fuori dell'Europa.

Cosa si Rischia a Circolare senza Documenti Obbligatori in Auto?

L’articolo 180 del Codice della Strada (CdS) stabilisce che se si circola con un veicolo a motore sulle strade pubbliche senza i tre documenti obbligatori il conducente può pagare una multa compresa tra i 41 e i 168 euro.

Inoltre l’automobilista è tenuto obbligatoriamente a presentare i documenti mancanti in auto in fase di controllo presso l'ufficio indicato dall'agente accertatore entro un certo termine. In caso contrario rischia il pagamento di un'ulteriore sanzione che oscilla tra i 419 e i 1.682 euro.

Altre possibili multe le si possono ricevere se non si è in possesso della patente o di una valida copertura assicurativa.

  1. Se si circola senza la licenza di guida perché revocata, sospesa o mai conseguita si rischia una multa che varia dai 2.257 ai 9.032 euro, oltre a subire il fermo amministrativo del veicolo per tre mesi. Se il pagamento avviene entro cinque giorni dal controllo la multa potrebbe essere scontata del 30%.
  2. Nel caso in cui al veicolo manchi l'assicurazione, al proprietario spetterà il sequestro del veicolo ed una sanzione che va da 841 a 3.287 euro. Se questa viene saldata entro quindici giorni o se si procede alla demolizione del veicolo entro trenta giorni dalla contestazione della violazione, l’importo può arrivare a ridursi di un quarto.

Cosa Fare in Caso di Furto o Smarrimento dei Documenti?

Un altro motivo per cui non si dispone dei documenti obbligatori da tenere in auto riguarda la possibilità di perdita o furto degli stessi.

Se a mancare è il libretto di circolazione bisogna denunciarlo presso un qualsiasi organo di Polizia, che provvederà così al rilascio di un permesso provvisorio di circolazione da utilizzare fino alla consegna della nuova carta.

  • Se sarà possibile ricevere il duplicato dall’UCO (Ufficio Centrale Operativo) di Roma direttamente a casa, il guidatore dovrà corrispondere una cifra pari a 9 euro più spese di spedizione. In caso contrario, egli si dovrà rivolgere alla Motorizzazione Civile, compilare il modulo TT2119, allegare la carta d’identità e il permesso provvisorio ottenuto a seguito della denuncia e versare 10,20 euro sul conto corrente postale 9001 intestato al Dipartimento trasporti terrestri.

Anche per la patente occorre esporre denuncia di furto o smarrimento portando con sé due fototessere recenti, la carta d’identità e il codice fiscale per ricevere un permesso provvisorio di circolazione. 

  • Il procedimento che riguarda l'emissione del duplicato della patente è analogo a quello relativo al libretto di circolazione per cui il conducente potrà riceverlo al proprio domicilio dall’UCO di Roma o sarà tenuto a richiederlo agli uffici della Motorizzazione Civile. In questo caso dovrà compilare il modulo TT2112, allegare la copia della carta d’identità, due versamenti postali (uno da 10,20 euro sul conto 9001 e l’altro da 32 euro sul conto 4028), due fototessere, la denuncia di smarrimento e il permesso provvisorio di guida.